Messaggio alla Lista ESPA-TO-ALBERO inviato da giova23@infinito.it


[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

SMS di CORSO B. CROCE 17
 
TORINO
 
I E
 
Cari amici invisibili,
 
è finito l'anno scolastico !
Abbiamo ancora molte domande a cui non siamo riusciti a dare una risposta.
Per esempio:
  • di quanta acqua ha bisogno un acero per vivere , in un giorno?
  • come varia la grandezza delle foglie , dalla loro nascita alla loro forma definitiva?
  • come varia l'altezza di un albero in un anno?
  • la sezione del tronco è uguale alla somma delle sezioni dei rami , che si dipartono da lui?
L'anno prossimo cercheremo di rispondere a questi  e ad altri quesiti che ci verranno in mente.
Vi salutiamo e vi auguriamo BUONE VACANZE!!!!!!!
 
I E
 
 
PS Vi spediamo l'ultimo lavoro
Title: IL COEFFICIENTE DI SNELLEZZA

SARANNO

STABILI????

 

 

Oggi abbiamo esaminato il coefficiente di snellezza , che è la misura della stabilità degli alberi .

Vogliamo valutare la capacità che hanno i nostri aceri di resistere agli attacchi degli agenti atmosferici : vento, pioggia, grandine , oppure a terremoti , trombe d'aria , ecc.

 

 

 

 

 

Il coefficiente di snellezza si calcola dividendo l’altezza dell’albero per il suo diametro.

S= h / d

Affinché un albero sia stabile è necessario che il coefficiente di snellezza sia minore o uguale a 80.

Quando siamo passati alla parte operativa vera e propria , abbiamo avuto delle difficoltà.

Per l'altezza nessun problema , ma per il diametro?

Quale diametro considerare , visto che , nei nostri aceri, lo abbiamo misurato, partendo da terra e andando su , ogni 20 cm?

 

Teresa ha proposto di considerare il diametro medio.

A noi è sembrata una proposta giusta e sensata.

Per calcolare il diametro medio , dobbiamo sommare tutti i dati e dividere il risultato per il numero di dati considerati.

 

I risultati ottenuti sono i seguenti:

 

ALBERO

CALCOLO DEL DIAMETRO MEDIO(in cm)

RISULTATI

( in cm)

1

(29+24+28):3

27

2

(21,3+17+16+16+14,7+14,2):6

16,5

3

(21+16,3+16,2+15,8+17+17,7+17,9+20):8

17,7

4

(26+20,8+20,2+19,8+19,8+18,8+18,6):7

20,6

5

(26,5+22,5+23,5+22+30):5

24,9

 

 

 

Per calcolare il coefficiente di snellezza , quindi abbiamo diviso l’altezza per il diametro medio ottenendo i seguenti valori di stabilità :

 

 

 

ALBERO

CALCOLO DEL COEFFICIENTE DI SNELLEZZA

RISULTATI

1

480:27

17.9

2

580: 16,5

35,1

3

680:17,7

38,3

4

590:20,5

28,7

5

530: 24,9

19,3

 

  • E' evidente che i nostri aceri sono stabili: infatti , in tutti, il coefficiente è di gran lunga più piccolo di 80.
  • I più stabili sono i numeri 1 e 5; il meno stabile il 3.

Francesca si chiede: " Posti su un pendio, alberi con lo stesso coefficiente avrebbero la stessa stabilità ?"

Fabio dice di no.

Per lui , su un terreno orizzontale , la stabilità è favorita dalla forza di gravità , che tiene l'albero attaccato al terreno.

Invece su un pendio la stessa forza di gravità tende a farli cadere perché li attira verso di sé , verso il basso.

Giorgia , invece, dice che se i tronchi sono dritti la stabilità è uguale.

Se non fosse così ad ogni più piccola sollecitazione , gli alberi cadrebbero.

Verificheremo il prossimo anno!!!!

Image47.gif


[ IAPht Home ] [ Indice Cronologico ] [ Indice per Thread ]