Progetto Sole-ombre 97/98

nella S.M.S. di Burolo Canavese (TO)

Docenti: prof.sse Grazia Allevi e Valentina. Montel

  1. Classi pilota e struttura oraria
  2. Modalità di svolgimento
  3. Materiale didattico e di laboratorio
  4. Le comunicazioni in rete
  5. Le attività svolte nelle singole classi
  6. Il concorso dell’equinozio
  7. Elenco dettagliato degli argomenti delle singole lezioni
  8. I cartelloni della mostra

 A) Classi pilota e struttura oraria

 Le classi "pilota", partecipanti direttamente al progetto, sono state:

  • la prima, sez.C: 29 ragazzi, livello scolare medio, docente di Scienze G. Allevi;
  • la seconda, sez.C: 24 ragazzi che avevano già partecipato l’anno precedente a un esperimento di collaborazione con il Dipartimento di Fisica Sperimentale e una classe della S:M:S:Nino Costa di Andezeno (TO) su problemi di meteorologia, docente di Scienze V. Montel.

Le lezioni hanno avuto scansione regolare per tutta la durata dell’anno scolastico, in tutte le classi. Esse sono state programmate nell’ambito della definizione dell’orario scolastico, con il seguente schema:

  • classe IC: un’ora settimanale pomeridiana ( due docenti di Scienze in compresenza con l’insegnante di Lettere ) su otto ore curricolari (5 di matematica e 3 di scienze);
  • classe IIC: due ore settimanali mattutine (una a docente singolo e una in compresenza con l’insegnante di Ed Tecnica) su otto ore curricolari ( 4 di matematica e tre di scienze).

 Poiché sovente si rendevano necessari interventi integrativi, alcune ore sono state dedicate dalla Prof. Montel ad entrambe le classi, in esubero del proprio orario (18 ore settimanali). Tali lezioni sono state svolte in compresenza con la Prof. Allevi (per la prima classe) o dell’insegnante di Lettere della classe seconda.

Il monte ore di tale attività di "volontariato" è di ore 25.

Ovviamente alcune delle ore "curricolari" di Scienze, nel periodo intercorrente tra un intervento e l’altro, sono state dedicate da ciascuna docente al chiarimento e all’approfondimento di concetti, al completamento di attività pratiche, nonché all’organizzazione del materiale raccolto.

Durante lo svolgimento del Progetto si sono volute comunque mantenere fisse le ore di matematica, "rubando" se mai al proprio tempo libero o fruendo della disponibilità di altri docenti (per esempio di Lettere e di Educazione Tecnica) per elaborare messaggi o realizzare oggetti e grafici ....

TOP


 B) Modalità di svolgimento del Progetto

 Abbandonata la lezione "frontale" in cui l’insegnante "mostra" e gli allievi "guardano", si è sempre cercato di calare i ragazzi nel vivo delle varie attività, da protagonisti e non da spettatori.

 I ragazzi sono stati quindi guidati in : 

  1. Attività strutturate (in classe e fuori), finalizzate a stimolare e potenziare capacità di :
  • osservazione (spontanea e/o guidata);
  • comprensione di messaggi verbali o scritti (mediante schede di lavoro, istruzioni...) ;
  • rielaborazione (orale e scritta) di quanto osservato;
  • confronto di idee;
  • autocorrezione ed autocritica;
  • utilizzo di diversi "linguaggi" (corporeo, pittorico, orale.....). 
  1. Attività di studio (individuale o a gruppi), finalizzato alla:
  • comprensione del testo scolastici;
  • ricerca di notizie (inerenti ad un dato tema), utilizzando fonti diverse (altri testi scolastici, enciclopedie, videocassette..). 
  1. Attività pratiche, tramite esperimenti di laboratorio scientifico, inerenti a:
  • proprietà della materia (classe IC);
  • metrologia;
  • meteorologia;
  • posizioni del Sole sull’orizzonte nelle varie ore del giorno e nei diversi giorni dell’anno (classe IIC);
  • studio delle ombre;
  • significato di stagione;
  • cronobiologia. 
  1. Attività di "docenza" da parte dei ragazzi della seconda classe verso i compagni di prima, su temi ed attività svolte lo scorso anno, relativamente a:
  • metrologia;
  • interpretazione e rielaborazione di misure inerenti all’inclinazione del Sole.

 E’ stato dato particolare risalto alla presentazione di semplici strumenti di stile "fai da te", realizzati dai ragazzi di seconda.

TOP


C) Materiale didattico e di laboratorio 

Il materiale di laboratorio è sempre stato molto semplice e di immediato utilizzo da parte degli alunni stessi. Si trattava, infatti, di strumenti in dotazione dei laboratori della scuola o di facile reperibilità da parte degli alunni stessi.

 Per la parte di attività sulle ombre da svolgersi in collaborazione fra le diverse classi, è stato utilizzato uno gnomone di cartone, dell’altezza di 20 cm, seguendo il disegno di costruzione preparato dal prof. Mascheretti di Pavia.

 Per la costruzione di alcuni altri strumenti del tipo "fai da te" e la realizzazione di semplici esperimenti relativi alle proprietà della materia o ai legami fra le variabili meteorologiche si è fatto uso di materiale "povero" portato dagli alunni (scatolette di cartone, barattoli di vetro e guanti di gomma per realizzare igrometri e barometri, assicelle di legno per realizzare gnomoni, vasetti di vetro pieni di sabbia per realizzare supporti.....) o recuperato dall’insegnante fra quanto si doveva rottamare.( per esempio parti singole di oggetti realizzati dagli insegnanti di Educazione Tecnica in anni passati sono serviti a montare l’ acchiapparaggi ).

TOP


D) Le comunicazioni in rete Le varie fasi dello svolgimento del Progetto sono sempre state puntualizzate e regolarmente comunicate ai docenti dei Dipartimenti, ai professori ed ai ragazzi delle altre Scuole utilizzando le risorse multimediali messe a disposizione dalle scuole.

I ragazzi, una volta elaborati i messaggi, si recavano in aula computer ove digitavano e copiavano su dischetto quanto si doveva inviare. Non essendo disponibile nella scuola il collegamento alla rete telematica, l’insegnante V. Montel provvedeva poi ad inviare il tutto agli "interlocutori", utilizzando il proprio modem.

Anche la posta elettronica in arrivo veniva ricevuta dalla professoressa Montel e portata in visione nelle classi, ove allo scopo era stata allestita una "cassetta postale" a disposizione di tutti.

Il monte ore per l’organizzazione e l’archiviazione dei data base è stato di circa 20 ore.

TOP


 E) Le attività nelle classi  

Attività sperimentali

 A partire da gennaio ’97 entrambe le classi sono state impegnate in una attività relativa alla misura dell’ombra proiettata da uno gnomone di 20cm.

 Tale misura veniva compiuta tutti i giorni a mezzogiorno e i risultati venivano comunicati alle altre scuole aderenti al progetto e successivamente, dopo averli organizzati in tabelle e grafici, confrontati e discussi.

 Parallelamente sono state compiute analoghe misure, con uno gnomone alto un metro a mezzogiorno e mezza (momento della culminazione del Sole a Burolo). Da tali misure è stato possibile ricavare il valore dell’angolo di inclinazione del Sole (facendo una rappresentazione grafica in scala).

Dall’inizio dell’anno scolastico, inoltre, un giorno al mese sono stati raccolti i dati relativi alle condizioni del tempo, utilizzando una piccola "stazione meteorologica" mobile, già allestita lo scorso anno.

Il giorno prescelto (in genere intorno tra il 20 e il 23 del mese), alle ore 9 e alle ore 13, i ragazzi di seconda si recavano a turno in un sito (scelto opportunamente, nel cortile della scuola) con gli strumenti del Laboratorio, allo scopo di rilevare i dati meteorologici, che poi venivano inseriti in una tabella, organizzata a tale scopo.

Contemporaneamente i ragazzi raccoglievano nella tabella anche dati relativi alla durata del giorno, all’ora del sorgere e del tramontare del Sole (ricavandoli da bollettini pubblicati da alcuni quotidiani in quel dato giorno).

Poiché entrambe le attività erano finalizzate alla realizzazione di grafici e alla discussione del concetto di "variazione" o meno di certe condizioni (collegabili alle stagioni), è chiaro che la regolarità e la costanza nella raccolta dei dati è stata indispensabile.

Se ciò è potuto avvenire lo si deve, oltre che all’interesse dimostrato dai ragazzi per questo aspetto dell’attività, anche alla collaborazione dei docenti del Consiglio di Classe ("disturbati", anche se per pochi minuti, dal via-vai dei ragazzi per raccogliere i dati) e delle famiglie (forse "impegnate" a casa a non gettare via il quotidiano di un certo giorno).

Organizzazione della documentazione

Entrambe le docenti interessate al Progetto, convinte dell’utilità di "fermare" i momenti più significativi delle diverse attività hanno sempre fatto stendere agli alunni (singolarmente o a gruppi) brevi relazioni e commenti che, unitamente a tabelle, grafici e disegni, potevano costituire una base di documentazione di quanto si era svolto.

 Si sono così realizzati, in "itinere", 18 cartelloni che hanno fatto parte integrante della Mostra/Recita di fine anno scolastico.

 Per tale attività sono state impiegate sia le ore di cui si è parlato alla voce "struttura oraria", sia ore extra ricavate in momenti in cui le Docenti erano "libere" mentre in entrambe le classi si svolgevano lezioni in cui si potevano "distaccare" solo alcuni alunni ( nella fase finale della realizzazione dei cartelloni, dovendo poi soltanto assemblare la documentazione cartacea e fotografica, non erano più necessari tutti gli alunni insieme).

 Il monte ore dedicato a tale attività è di ore 10.

 "Ricaduta" del Progetto su altre Classi della Scuola

 Sin dall’inizio dell’anno scolastico la seconda B (sez. a Tempo Prolungato, gemella della seconda C) iniziava e portava avanti regolari osservazioni dei cambiamenti stagionali dell’ambiente in cui è situata la Scuola.

 Unitamente a tali osservazioni, gli alunni registravano i valori della durata delle ore di luce e di oscurità, ricavandoli con scansione quindicinale dalle tabelle astronomiche del quotidiano "Repubblica".

 Inoltre, a partire dal 4/2/97 (giorno in cui la seconda C aveva dipinto sul selciato del cortile della Scuola il "ventaglio orario" relativo alle ombre di uno gnomone di 1m. alle varie ore della giornata) i ragazzi, a turno, misuravano (sempre con scansione quindicinale) di quanto variava, in lunghezza e in direzione, l’ombra dello gnomone ad una data ora.

I risultati di tali misure, raccolti in tabelle e rappresentati graficamente, sono stati "consegnati" ai colleghi della seconda C, che li hanno utilizzati ad integrazione del proprio lavoro.

TOP


 F) Il "Concorso dell’equinozio"

 Per vivacizzare l’attività sperimentale di cui sopra, a metà del mese di Febbraio dal dipartimento di Fisica è giunta la proposta di fare una previsione della lunghezza dell’ombra dello gnomone il 21 marzo. Le previsioni dovevano essere inviate in rete entro l’11 Marzo.

 I ragazzi hanno accolto con entusiasmo la proposta, impegnandosi a considerare chi i grafici e chi le tabelle e compiendo prime operazioni di media, di interpolazione lineare e di estrapolazione. I ragazzi hanno lavorato sia singolarmente sia a piccoli gruppi (di due o tre).

 Le previsioni così elaborate sono state inviate in rete entro l’11 Marzo, come richiesto. I messaggi più completi sono riportati nell’appendice D (messaggio V6 della Vico, messaggio B20 della Fermi). All’invio sono seguite discussioni e confronti sino a giungere alla verifica sperimentale, compiuta il 21 Marzo. Poiché la misura ha dato un valore di …. a Burolo, molto vicino al valore di …… ottenuto a Torino, sono stati premiati …………..Il premio, consistente in una bussola, è stato consegnato ufficialmente in un incontro delle classi con la prof.ssa Rinaudo, nel corso del quale tutti i ragazzi che avevano fatto una "previsione" hanno spiegato ai compagni il metodo da loro seguito discutendo il risultato da loro ottenuto.

TOP


G) Argomento delle lezioni

Classe prima 

  • 21/10/96 - presentazione del Progetto alla classe - indicazioni per la presentazione della scuola alle altre scuole aderenti - uscita in cortile per osservare e cogliere particolari "interessanti" - scattate alcune fotografie. 
  • 28 /10 - visione della fotografie e stesura delle "motivazioni" che hanno spinto i ragazzi a scegliere un certo scorcio del cortile piuttosto che un altro - uscita in cortile per raccogliere "qualcosa" di indicativo (foglie, ramoscelli, sassi...) - osservazione di una foglia e indicazioni per farla seccare.. 
  • 4 /11 - sistemazione della foglia secca sotto pellicola adesiva trasparente - uscita in cortile per misurare il bordo che delimita il cortile stesso - alcune istruzioni per eseguire tali misure con un metro snodabile - fotografie dell’attività. 
  • 8/11 - seguito dell’attività di misura della recinzione del cortili - primo abbozzo di una relazione dell’attività svolta. 
  • 23/11 - attività in classe sulla riduzione in scala, con schede opportunamente organizzate allo scopo - fotografie dell’attività 
  • 30/11 - conclusione dell’attività sulla riduzione in scala - confronto delle misure reali (desunte dalla mappa catastale) con quelle dei ragazzi - ripasso delle equivalenze. 
  • 3/12 - presentazione della classe in Internet (app. 0) 
  • 6 /12 - elaborazione cartelloni e stesura relazioni e messaggi. 
  • 13/12 e 16/12 - elaborazione cartelloni 
  • 16/12 - realizzazione di uno "gnomone - origami", secondo le indicazioni dei coordinatori del Progetto - fotografie dell’attività. 
  •  10/1/97 - scelta (in base all’altezza e alla perpendicolarità) dello gnomone da sistemare sulla tavoletta di legno - redazione di un testo da inviare alle altre scuole - fotografie dell’attività. (app. 2,3) 
  • 13/1 e 17/1 - uso della bussola e misure "sul campo" alle ore 12 - fotografie dell’attività. (app.4) 
  • 24/1 - elaborazione testi e scrittura al computer - misura della lunghezza delle ombre.(app.9,11) 
  • 31/1 - esperimento con gnomoni di altezze diverse (1m., 0.75m., 0.5m., 0.25m.) - studio delle ombre alle ore 13.30, 14, 14.30, 15, 15.30 - organizzazione dei risultati - fotografie dell’attività.(app.16) 
  • 7/2 - lettura messaggi delle altre scuole.(app.18) 
  • 14/2 - organizzazione tabella delle misure del mese di gennaio - elaborazione messaggi. (app.18) 
  • 20/2 - esperimento con lo gnomone di 0.5m. - rilevazioni dalle ore 8.30 alle 15.30 - fotografie dell’attività. (app.18) 
  • 21/2 - organizzazione dei risultati delle misure e loro discussione. (app.18) 
  • 28/2 - stesura dei commenti alle misure e preparazione di un testo da inviare. (app.18) 
  • 3/3 - il piano cartesiano - preparazione alla registrazione grafica dei risultati delle misure. 
  • 7/3 - aggiornamento delle tabelle e stesura messaggi da inviare in rete. 
  • 10/3 - studio di tabelle e grafici per poter elaborare una previsione (concorso dell’equinozio) (app.20) 
  • 14/3 - elaborazione testi per i cartelloni - discrepanza atrio cortile - fotografie dell’attività.(app.21) 
  • 21/3 - misura alle ore 12 e confronto con le previsioni fatte - uso della livella a bolla d’aria e verifica orizzontalità del cortile e dell’atrio della scuola - studio, da parte di un gruppo di ragazzi, delle carte geografiche della zona in cui si trovano le scuole aderenti al progetto - fotografie dell’attività. (app.26) 
  • 24/3 - "festa dell’equinozio" - premiazione dei vincitori e degustazione pizza - fotografie.(app.24,25) 
  • 2/4 - studio delle carte geografiche - nozione di scala di rappresentazione - elaborazione messaggi e completamento grafici e tabelle. 
  • 5/4 - elaborazione tabelle e grafici mese di marzo (app.30) 
  • 11/4 - esposizione del lavoro fatto, da parte del gruppo studio delle carte geografiche, a tutta la classe - fotografie dell’attività. 
  • 18/4 - completamento tabelle e grafici del mese di aprile - elaborazione cartelloni 
  • 21/4 - elaborazione cartelloni. 
  • 24/4 - visita della prof.ssa Rinaudo a Burolo - fotografie. 
  • 28/4 - elaborazione messaggi alla prof.ssa Rinaudo.(app.33) 
  • 9/5 - uscita e collaudo dell’acchiapparaggi - fotografie dell’attività. 
  • 11/5 - "docenza" di alcuni ragazzi di seconda, circa la determinazione dell’inclinazione del Sole - fotografie dell’attività. 
  • 13/5 - invio in rete dei messaggi di aprile (app.35) 
  • 23/5 - realizzazione cartelloni - coloritura del "logo" dell’attività. 
  • 26/5 - completamento nozioni sugli angoli e sull’uso dell’acchiapparaggi 
  • 30/5 - aggiornamento tabelle e grafici - elaborazione cartelloni 
  • 2/6 - presentazione di tutti i cartelloni alla classe e assegnazione degli stessi a gruppi di ragazzi, che li spiegheranno ai genitori  
  • 4/6 - "prove generali" di esposizione dei cartelloni elaborati 
  • 6/6 - allestimento della Mostra didattica - fotografie 

Totale ore: 40

 Classe seconda 

  • 22/9/96 - raccolta dati meteorologici mensili - osservazioni del punto in cui sorge il sole (lezione sulla meridiana orizzontale). 
  • 22/10 - raccolta dati meteorologici mensili.(app.6) 
  • 30/10 - ricerca lessicale (orizzonte, orientarsi, equinozio) 
  • 6/11 - studio di una piantina topografica di Ivrea - 1° e 2° gioco. 
  • 20/11 - riduzione in scala - esercizi su schede opportunamente organizzate
  • 21/11 - raccolta dati meteorologici mensili. 
  • 27/11 - studio di una carta geografica (Piemonte) -. Nozioni di cartografia. 
  • 3/12 - presentazione classe in Internet (app.0) 
  • 4/12 - ricerca lessicale (punti cardinali, coordinate geografiche, meridiani e paralleli). 
  • 18/12 - lettura del testo di geografia (alla voce : carte geografiche e orientamento) - lezione sulla meridiana orizzontale, in previsione del solstizio d’inverno. 
  • 19/12 - raccolta dati meteorologici mensili.(app.6) 
  • 7/1/97 - ricerca lessicale (solstizio) - organizzazione tabella dati meteorologici mensili. 
  • 8/1 - lettura messaggio dell’Università di Torino 
  • 13/1 - realizzazione dello "gnomone origami", seguendo le indicazioni dei coordinatori del Progetto - fotografie dell’attività.(app.7) 
  • 14/1 - scelta dello gnomone più adatto a essere montato sulla tavoletta di legno - fotografie dell’attività. (app.7) 
  • 15/1 - elaborazione testi da inviare in rete 
  • 15/1 e 17/1 - misure "sul campo" alle ore 12 - fotografie dell’attività. 
  • 21/1 - raccolta dati meteorologici mensili 
  • 21/1 e 28/1 - discussione sugli errori nelle misure - stesura relazioni sull’attività.(app.10 e 12) 
  • 4/2 - studio delle ombre di uno gnomone alto 1m. (dalle ore 10 alle ore 16) - pittura del "ventaglio orario" sul pavimento del cortile.(app.14) 
  • 17/2 - osservazioni "sul campo" e stesura messaggi - fotografie dell’attività.(app.15) 
  • 21/2 - raccolta dati meteorologici mensili - stesura messaggi. (app.18) 
  • 24/2 - organizzazione tabelle per la raccolta dei risultati - metodo grafico per la determinazione dell’inclinazione del Sole, messaggio spedito il 7/3.(app.18,19) 
  • 28/2 - organizzazione tabella dati comparati delle tre scuole - misura ombre dell’ultima settimana.(app.18) 
  • 3/3 - lettura messaggi e aggiornamento tabelle. 
  • 7/3 - aggiornamento grafici  
  • 10/3 - studio di tabelle e grafici per formulare una previsione per il 21 marzo (concorso dell’equinozio) - stesura messaggi (app.20) 
  • 14/3 - misura dell’inclinazione del Sole alle 12.30 (gnomone di 1m.) e confronto con il dato di "Repubblica" - fotografie dell’attività. 
  • 18/3 - confronto dati inclinazione tra le tre scuole (app.22 e 23) 
  • 21/3 - raccolta dati meteorologici mensili - misura dell’ombra dello gnomone di 20cm. e confronto con le previsioni fatte dai ragazzi - misura dell’inclinazione del Sole alle 12.30 e suo confronto con il dato del giornale - lezione sulla meridiana orizzontale - fotografie delle attività.(app.24) 
  • 24/3 - "festa dell’equinozio" e premiazione dei vincitori - degustazione della pizza - fotografie.(app.24 e 25) 
  • 25/3 - mistero della durata del giorno all’equinozio (app.27) 
  • 5/4 - compilazione delle tabelle del mese di marzo - stesura messaggi da inviare in rete.(app.30) 
  • 11/4 e 14/4 - preparazione grafico comparato dei dati meteorologici e astronomici mensili. 
  • 18/4 - raccolta dati meteorologici mensili - impostazione grafici - elaborazione cartelloni 
  • 24/4 - visita della prof.ssa Rinaudo a Burolo - fotografie. 
  • 28/4 - misura della declinazione magnetica a Burolo (con la bussola regalata) - stesura messaggio per la prof.ssa Rinaudo.(app.32,34) 
  • 11/5 - attività di "docenza" di alcuni ragazzi, per spiegare alla classe 1° il metodo usato per determinare l’inclinazione del Sole (manca messaggio)- fotografie dell’attività 
  • 13/5 - dati di aprile (invio in rete)  
  • 19/5 - uscita alle 13.30 per misurare l’ombra dello gnomone di 1m., la declinazione magnetica - collaudo dell’acchiapparaggi- fotografie dell’attività. 
  • 23/5 - realizzazione "logo" dell’attività - commento ai grafici meteorologici ed astronomici mensili - stesura messaggi da inviare in rete (app.38)  
  • 26/5 - aggiornamento tabelle e grafici - completamento cartelloni 
  • 30/5 - aggiornamento tabelle e grafici - elaborazione cartelloni 
  • 2/6 - presentazione di tutti i cartelloni alla classe e assegnazione degli stessi a gruppi di ragazzi, che li spiegheranno ai genitori
  • 6/6 - "prove generali" della presentazione dei cartelloni elaborati

 Totale ore: 50

TOP


H) I cartelloni della mostra

  1. O Sole mio...... (Cora e Genni)
  2.  

  3. Le mille e una foto (Fabrizio e Fabrizio)
  4.  

  5. Da reporters a geometri (Eric e Maurizio)
  6.  

  7. Carta, metro e fantasia (Eugenio e Nicolò)
  8.  

  9. Alla ricerca della scala mancante (Giacomo e Fabio )
  10.  

  11. Pieghiamo la carta .....ecco lo gnomone (Valentina e Sabrina)
  12.  

  13. Mezzogiorno di fuoco (Claudia e Raffaella)
  14.  

  15. Toto - Equinozio (Gianluca ed Eric)
  16.  

  17. Toto - Equinozio (premiazione) (Lino ed Alex P.)
  18.  

  19. ...E la festa continua (Jessica ed Ilaria)
  20.  

  21. Tintarella di Sole ( Ilaria e Silvia)
  22.  

  23. Ci vediamo tra mezz’ora (Davide e Nicolò)
  24.  

  25. Che ombra è ? (Christian e Alex M.)
  26.  

  27. L’altezza del Sole (Erica e Matteo)
  28.  

  29. L’acchiapparaggi (Cora e Genni)
  30.  

  31. Meteo (Federica e Daniela)
  32.  

  33. Cronobiologia (Dimitri e Luca)
  34.  

  35. Noi siamo qui (Marco e Marino) 

 

TOP