IAPhT espa-to archivio

[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

R: per il Prof. Franesco Grassi



Saluti da Francesco,
    cercherò di contribuire come posso alla discussione sulle misure:
a)
Il pluviometro dovrebbe essere posizionato in uno spazio aperto per evitare
le influenze di alberi ed edifici, sicuramente non dovrebbe essere aportata
di qualcuno che furtivamente potrebbe versare o prelevare liquidi....non
dovrebbe stare neanche vicino alla strada per evitare che gli schizzi vi
cadano dentro... se poi si riesce a non lasciare al sole i liquidi
accumulati si evita almeno in parte l'inevitabile evaporazione. Sarebbe
anche desiderabile avere più pluviometri in un'area relativamente estesa in
modo da poter avere più misure della stessa precipitazione e discutere sulle
cause delle differenze (una buona occasione per discutere dell'incertezza
insita in qualsiasi misura di una grandezza fisica).
b)
Bisognerebbe fare una prova, ma sicuramente soprattutto a causa
dell'evaporazione e della già scarsa affidabilità dei nostri pluviometri un
mese di intervallo tra le misure mi sembra un po' troppo.
Più ragionevole sarebbe forse un rilievo settimanale o occasionale...fatemi
sapere.
c)
Per il luxmetro è tutto da inventare, ma io rimarrei sulla lettura del
visore e sulla spiegazione qualitativa del legame tra intensità luminosa e
resistenza...
d)
La scheda sullo stato del cielo penso di usarla solo per lo sta o
qualitativo, cioè da una osservazione a vista si ottiene:
0 sereno
1 quasi sereno
2 poco nuvoloso
3 nuvoloso
4 molto nuvoloso
5 coperto

e poi i fenomeni:
Foschia, cielo velato
nebbia
pioggia
neve, nevischio

ovviamente l'osservazione è soggettiva, ma è anche un occasione per
sottolineare l'utilità di misure precise.

PROPOSTA:
in primavera (marzo-aprile) sarebbeinteressante fare una misura assidua per
un mese di tutte  le grandezze fisiche (vedi tesi) per poter poi evidenziare
le correlazioni (es: diminuzione pressione-copertura del cielo...) che con
misure mensili non sono visibili.

          Tanti saluti da Francesco, Giovanna,

e dalla seconda B dell'Agnelli.
-----Messaggio originale-----
Da: sms. falcone <falcone@arpnet.it>
A: 'agnelli@agnelli.it' <agnelli@agnelli.it>
Data: mercoledì 20 gennaio 1999 17.34
Oggetto: per il Prof. Franesco Grassi


>
>DIARIO DI BORDO  Sito 2
>Caro Francesco,
>ti mandiamo questo messaggio da parte delle due scuole medie "Falcone",
>sede di Santena e sez. staccata di Cambiano, per sottoporti alcune
>questioni che abbiamo discusso insieme:
>a) e importante che la stazione meteorologica e soprattutto il pluviometro
>siano posizionati in modo particolare ( altezza da terra, orientamento
>rispetto al nord, altro?)
>b) lo svuotamento del pluviometro lo effettuiamo solo nelle date previste
>(circa il 21 di ogni mese)?
>Nella relazione fatta dagli alunni segnaleremo tutte le variabili e le
>difficolta che, a parer nostro, hanno influito sui dati ottenuti.
>c) come potremmmo spiegare facilmente ai ragazzi il funzionamento del
>luxmetro e soprattutto la formula e le relative unita di misura?
>Nelle misurazioni utilizziamo il numero che compare sul visore o lo
>trasformiamo secondo la formula?
>d) non abbiamo ben chiaro come utlizzare la scheda dello stato del cielo;
>hai delle indicazioni in merito?
>Noi effettueremo con i ragazzi le misurazioni giovedi 21/1. Potremmo
>utilizzare le tue indicazioni nella successiva discussione in classe sui
>risultati ottenuti.
>In attesa di risposta, saluti da
>                                                 Camilla Sosso e Piera De
>Allegri 2F Santena
>                                                Maura Colombo e Candida
>Caroli 2B Cambiano
>


IAPht Home | Indice Cronologico | Indice per Thread