LA SCONFITTA DELL'OMBRA

Tanto tempo fa sulla Terra regnava l'ombra, cioè il buio totale.

Il giorno e la notte non esistevano.

Un giorno il professor Luce si ribellò all'ombra e decise di distruggerla per sempre. E così ideò una pallina con tanta polverina gialla che emanava bagliori. Era una sostanza che, se guardata attentamente, dava fastidio.

Il professore decise di darle il suo nome e così la chiamò "luce”.

Ma gli altri professori, gelosi della sua invenzione, raccontarono l'accaduto all'ombra. Questa, per punire il professor Luce, lo derubò della sua invenzione e  la distrusse.

Il povero professore  chiese aiuto a suo fratello, il professor Sole, che nel frattempo aveva anche lui inventato la luce ed era stato punito allo stesso modo.

I due fratelli allora decisero di mettersi insieme per ricostruire quella sostanza  "specialissima”. Così crearono un pallone gigantesco che emanava quello splendore che il professore aveva chiamato luce.

La palla fu chiamata  "Sole" e fu elevata  in cielo.

Quando l'ombra si accorse che stava scomparendo, lanciò una maledizione :

"Tutti i corpi che voi creerete mi ricorderanno perché sarò sotto di loro!"

E fu come l'ombra aveva detto.

E ancora oggi  ogni corpo  porta  l'ombra sotto di sé .

ANDREA GUELI


Ritorna all'indice delle favole