SeCiF

Forum INDIRE 2002

Esperimenti sulla fisica in cucina

Messaggio: Lucia Odicino
Località:

Fisica in cucina

La cucina di casa nostra è un ottimo laboratorio in cui si osservano e si riproducono fenomeni fisici, si applicano le leggi che li determinano, se ne sfruttano le applicazioni tecnologiche.
Tutto ciò può offrire spunto per effettuare lezioni interattive anche di ripasso, condotte mediante discussioni, lavori di gruppo, ricerche affidate a gruppi di lavoro.
Alcuni spunti: forbici, schiaccianoci e pinze per gli spaghetti sono leve rispettivamente di primo, secondo e terzo genere.
Cucinando, congelando, scongelando i cibi o preparando bibite osserviamo fenomeni di fusione, rigelo, solidificazione, evaporazione, ebollizione, liquefazione, brinamento, irraggiamento, dilatazione, adesione molecolare.
Molti di questi fenomeni sono inoltre alla base del funzionamento di diversi strumenti di uso comune in cucina, tra cui il forno a resistenza elettrica, la caffettiera, la pentola a pressione, la padella antiaderente.

__________________
Lucia Odicino
10-04-2002 21:06

 

Risposta: Francesca Garofalo
Località: padova

fisica di cucina

Nella mia seconda ITIS (ragazzi svegli, ma un po' demotivati) riesco a tenerli attenti solo se faccio lezione con "tempi televisivi", mai una pausa, cose sempre nuove. Una cosa carina che è venuta fuori, stimolata dalla loro curiosità è "l'angolo della fisica di cucina". Ogni lezione dedico cinque minuti alla fisica di cucina: tratto un argomento piccolo (tipo le pillole di Quark) la pentola a pressione, il forno a microonde, l'ebollizione, ecc. I ragazzi amano questo momento e mi fanno anche la sigla!!!

Saluti

__________________
Francesca Garofalo
11-04-2002 10:31

 

Risposta: Giuseppina Di Fonzo
Località: Pollutri (Ch)

Veramente simpatico!

Ciao, sono Giuseppina, una insegnante di scienze matematiche nella scuola media. Trovo veramente simpatiche e interessanti le tue osservazioni in cucina!!!
Proverò sicuramente a proporle in classe ai miei allievi, che (si sa) sono attratti da cose di vita pratica più che dalle pagine dei loro libri.
La fisica è una materia molto complessa ed è piacevole vedere come invece si possa trovare un aspetto anche ... ludico!
Complimenti, Giuseppina.

11-04-2002 16:41

 

Risposta: Loredana Gioffrè
Località: Bagnara

Fisica in cucina

E' la prima volta che partecipo ad un forum, mi ha molto appassionato. Intervengo sull'argomento della fisica in cucina in quanto sono riuscita ad interessare i miei alunni di IV liceo scientifico utilizzando esempi di fenomeni fisici in cucina. Per esempio la pressione di vapore saturo è stata da me così spiegata: ragazzi avete mai notato cosa accade in una pentola piena d'acqua che bolle quando vi è il coperchio? Tutti in coro rispondono: il coperchio si alza. Perchè? Silenzio in aula... E' colpa della pressione che esercitano le molecole dell'acqua che hanno saturato lo spazio tra il coperchio e l'acqua, appunto quella che chiamiamo pressione di vapore saturo! Questo è uno degli argomenti che tutti i ragazzi ancora ricordano e sanno spiegare con chiarezza. Forse vi ho annoiato con la mia lezioncina di fisica, ma ritenevo importante farvi conoscere la mia esperienza.

__________________
Lory
13-04-2002 17:49

 

Risposta: Giuseppina Di Fonzo
Località: Pollutri (Ch)

fisica in cucina

Ciao a tutti, sono di nuovo Giuseppina.
Leggendo il messaggio di Loredana, mi è venuto in mente che anch'io ho interessato i miei ragazzi di seconda media trattando un argomento sulla pressione.
Molti avranno visto in cucina le classiche ventose usate per appendere strofinacci o simili. Ebbene, ho chiesto ai ragazzi perché secondo loro le ventose rimangono attaccate al muro e perché a volte capita che si stacchino.
Silenzio!!!!
Nessuno riusciva ad immaginare che l'aria potesse essere capace di esercitare una forza così grande, per altro in diverse direzioni (nell'esempio da destra verso sinistra, o in altri casi dal basso verso l'alto).
Mentre fai lezione ti rendi conto che gli alunni sono attenti il più delle volte solo se riescono a toccare con mano ciò di cui si discute.
Bisognerebbe trovare il modo di riportare sempre tutto ciò che si insegna a situazioni reali .... E' sempre possibile?!?!?!

13-04-2002 18:34

 

Risposta: Elisabetta Bolognese
Località:

In cucina: la patata e l'osmosi

Ciao, sono Elisabetta. E' la prima volta che scrivo in questo Forum.
Sono una insegnante di Scienze matematiche nella scuola media e noto, naturalmente ogni giorno, quanto difficile sia spiegare ai ragazzini di 11 / 13 anni un argomento di fisica.
Per questo sono rimasta colpita dalle vostre esperienze didattiche e dal fatto che argomenti a volte astratti possano essere spiegati facilmente (interessando i ragazzi, si intende) ricorrendo a questioni di vita quotidiana.
Voglio raccontarvi la mia: stavo spiegando il fenomeno dell'osmosi e mi sono resa conto che i ragazzi non riuscivano a concretizzare l'argomento. Allora, la volta successiva ho portato una patata e dello zucchero. Dopo averla tagliata a metà ed incisa nelle parti interne, ho versato in una dello zucchero e nell'altra dell'acqua. Dopo un pò di tempo i ragazzi hanno potuto osservare che nel primo caso la cavità si era riempita di acqua, mentre nel secondo essa era "sparita"!
Soddisfatti e stupiti, alle verifiche hanno dimostrato di aver assimilato questo concetto in modo soddisfacente!
Ciao a tutti, Elisabetta.

15-04-2002 10:31


Webmaster
Last modified: Tue Apr 30 10:50:03 CEST 2002