I@Pht Home Page  

La giostra a gravità

La giostra a gravità
Materiale e istruzioni
di montaggio:
  una base di supporto, il coperchio di una scatola cilindrica, una matita esagonale con la punta temperata, dado e controdado con diametro interno tali da poter inserire la matita con una buona tenuta, un rocchetto, un’asticciola di legno, un blocco di legno (circa 5x10x15 cm3), una piccola puleggia, un robusto cordoncino lungo circa 1 metro, un dado pesante. Fare un buco nel centro del coperchio cilindrico (che servirà come piattaforma della giostra), inserire in esso la matita, controllando di avere una buona tenuta, e fissare la piattaforma a una distanza di circa 5 cm dalla punta della matita usando dado e controdado. Fare un buco con un diametro più largo di quello della matita vicino a un’estremità dell’asticciola di legno. Fissare il blocco di legno verticalmente vicino al bordo della base di supporto; sulla sua cima fissare la puleggia e, dalla parte opposta, fissare l’asticciola di legno. Inserire verticalmente la matita nel buco all’estremità opposta dell’asticciola di legno e inserire il rocchetto sulla parte superiore della matita con una buona tenuta. Arrotolare il cordoncino sul rocchetto e legare il dado pesante all’altra estremità.
Come giocare:   mettere la base di supporto vicino al bordo del tavolo, arrotolare la parte libera del cordoncino sul rocchetto e lasciare scendere il dado pesante: esso partirà lentamente, la giostra si metterà in moto e girerà sempre più rapidamente.
La Fisica:  
  • differenti forme di energia: energia associata alla posizione, al moto traslatorio, al moto rotatorio,
  • trasferimento di energia : dal dado pesante alla piattaforma (può essere variata appesantendo la piattaforma o usando un dado più pesante o più leggero),
  • immagazzinamento di energia: l’energia di posizione del dado,
  • forza, interazione ed energia: la forza di gravità che agisce sul dado lo mette in moto, la forza elastica del cordoncino trasferisce il moto alla giostra.
Note didattiche:  
  • scoprire le differenti forme di energia (Eb),
  • scoprire i trasferimenti di energia (Ec),
  • sperimentare l’immagazzinamento di energia (Ec),
  • identificare la forza necessaria per far iniziare il moto del dado e della giostra (Fa),
  • analizzare la relazione tra la forza che determina il moto e l’energia (Ea),
  • confrontare con le proprie aspettative

IAPhT WebMaster
Last modified: Thu Mar 29 10:31:41 CEST 2001