SeCiF

La Meccanica Quantistica con il
metodo della somma sui molti cammini di Feynman

Sperimentazione al Liceo scientifico G.Segrè - Torino, 5-10 marzo 2001

prof. Laura Borello

Classe e prerequisiti

La sperimentazione è stata svolta nella classe quinta B del liceo scientifico Segrè di Torino, nel corso della settimana scientifica.

La classe è costituita da 21 studenti che hanno seguito una sperimentazione PNI di matematica, ma un corso normale di Fisica. Circa i prerequisiti la classe aveva trattato in quarta lo studio dei fenomeni di ottica geometrica e della diffrazione ed interferenza in ottica ondulatoria. La classe aveva anche assistito in modo attivo a una esperienza alla cattedra per la determinazione della lunghezza d'onda della luce con l'uso di un reticolo di diffrazione; su tale esperienza avevano dovuto stendere singolarmente una relazione oggetto di valutazione.

Nel corso del corrente anno scolastico erano stati trattati i normali temi di elettricità e magnetismo, fino alla legge di Faraday Lenz . Nei mesi di ottobre - novembre, in collaborazione con la collega di scienze, era stato svolto un modulo sugli elementi base di fisica nucleare e sulle particelle elementari con lo scopo di chiarire le reazioni nelle stelle e alcuni elementi di cosmologia. In tale occasione ho fatto spesso ricorso al principio di indeterminazione di Heisemberg sia nella forma posizione-quantità di moto, che era già loro nota dalle lezioni di chimica della quarta, sia in quella energia-tempo di cui ho dato il solo significato.

Per quanto riguarda l'uso di Excel la classe conosce gli elementi basilari, avendolo usato in matematica e in due corsi di approfondimento di fisica sullo studio del moto di un carrello in presenza di resistenza del mezzo e sulla distribuzione delle molecole di un gas in una scatola.

Agli studenti promossi senza debito formativo era già stata consigliata durante l'estate la lettura del testo di R. Gilmore "Alice nel paese dei quanti" ed. Cortina, in quanto ponte tra gli argomenti visti in chimica in quarta e quelli che avrebbero trattato in fisica in quinta. Il consiglio era stato accolto però solo da un numero limitato di studenti.



Webmaster
Last modified: Fri Mar 15 15:52:47 CET 2002